Il pesto

BasilicoOlioPinoliFin troppo ovvia, al limite del banale, la scelta del primo argomento, argomento che deve inaugurare questo blog: il Pesto.
L’ annosa questione riguarda la ricetta del “vero Pesto”; da parte mia non c’è alcuna pretesa di essere il depositario della verità e ancor meno della tradizione, vorrei invece, come si suol dire, “buttare il sasso in piccionaia” e stimolare i miei lettori a intervenire, descrivendo il proprio punto di vista riguardo i diversi aspetti della realizzazione della ricetta: ingredienti e esecuzione.
Incomincerò a dire come lo faccio io, precisando che a me il pesto piace saporito, dal gusto deciso.
80 gr. di foglie di basilico, lavate e perfettamente asciutte
50 gr. di parmigiano grattugiato
30 gr. di pecorino grattugiato
30 gr. di pinoli
1 spicchio d’ aglio
Sale
130 gr. olio EVO
Procedo, poi, col Bimby: inserisco tutti gli ingredienti, tranne il sale e l’ olio, nel boccale 30’’ velocità Turbo ( io faccio due volte 15’’ ); quindi aggiungo gli altri due ingredienti , 20’’ velocità 4 e 20’’ velocità 8. Fatto.
Vedo già i puristi che storceranno il naso: “…il frullatore NO !…”
Per evitare che il calore crei qualche effetto “collaterale” basta raffreddare le lame e il bicchiere, tenendo le prime nel freezer e il secondo nel frigo per qualche decina di minuti ; faccio lo stesso con l’ olio.
Questi accorgimenti evitano che il pesto cambi gusto e colore; vi assicuro: il resultato è perfetto !
Ovviamente attendo con impazienza le vostre osservazioni e i vostri interventi.

Condividi questo contenuto:

Lascia un commento