Il Centro Storico: mille amori e mille problemi

Piazza San Bernardo

Piazza San Bernardo

E’ dal 2014 che il Comune di Genova ha posto mano al nuovo regolamento per il Centro Storico ed è dall’ inverno dell’ anno passato che, su incarico dell’ Ascom,  che partecipo alle riunioni. Dopo un’ infinità di discussioni siamo riusciti (Ascom e Confesercenti) ad arrivare ad un testo agile e di facile applicazione la cui “ratio” è quella di sanzionare severamente e definitivamente i commercianti che sgarrano mentre, nel contempo, l’ autorità competente si sarebbe impegnata a maggiori controlli e a fornire la deterrenza necessaria a ridurre le intemperanze acustiche, alcooliche e, ahimè, “idrauliche” delle migliaia di giovani che affollano i nostri caruggi . L’ obiettivo individuato sul quale concentrare i controlli era soprattutto la categoria dei cosiddetti “minimarket” dove i giovani, anche minorenni, riescono ad acquistare alcool a basso costo e a tutte le ore. Bisogna, infatti, tener presente che è impossibile per questioni economiche che uno studente, spesso squattrinato, riesca ad ubriacarsi al bar.

La Movida

La Movida

Il regolamento è stato approvato dal Consiglio Comunale a Gennaio scorso ed eravamo tutti in attesa delle Ordinanze attuative; le associazioni di categoria e i Presidenti dei Municipi sono stati avvisati all’ultimo momento che le Ordinanze stavano per essere emanate e ce ne è stata persino impedita la la lettura preventiva. Grazie a “mezze ammissioni” e sbirciatine furtive è venuto fuori che le Ordinanze prevedevano la chiusura anticipata alle 24 dei pubblici esercizi! Alla faccia della libertà di impresa! Alla faccia dei controlli e delle sanzioni ai trasgressori!

Biggie in Piazza delle Erbe

Biggie in Piazza delle Erbe

Abbiamo scritto agli Assessori competenti per riportarli a quanto era stato a suo tempo concordato perché è inammissibile che si continui a colpire gli onesti e i laboriosi e si chiuda un’occhio e fors’anche tutti e due davanti a delle palesi violazioni delle leggi e delle norme etiche!

Condividi questo contenuto:

Lascia un commento