Arista di maiale in panure di erbe

Oggi vi do la ricetta di un piatto semplice e poco costoso (…semmu de Zena..): l’ Arista di maiale in panure di

L' Arista di amiale

L’ Arista di amiale

erbe.

Ripulite per bene l’ arista dalla guaina (diventerà più masticabile) e dal grasso (non serve…).

Massaggiate la carne con sale e pepe.

Tritate  timo, dragoncello, rosmarino, maggiorana e aglio (uno spicchio piccolo può bastare).

Preparate la panure mescolando il trito con abbondante pan grattato e due/tre cucchiai di olio EVO, in questo caso è meglio usare dell’ olio toscano o pugliese che sono più saporiti e non quello ligure, ben

La Panure di erbe

La Panure di erbe

 

più delicato.

Coprite l’ arista da tutti i lati con la panure e ricopritela con della pellicola, quindi riponete il piatto in frigo per una notte.

L’ indomani mattina togliete la carne dal frigo e lasciatela a temperatura ambiente per due/tre ore.

Riscaldate il forno a 140° (ho detto 140!!) e quando sarà a temperatura infornate la carne ricoperta dalla panure e posta su della carta da forno avendo l’ accortezza di ripararla con la pellicola di alluminio, infine mettete un contenitore (io ho usato una padella di ferro) con due dita d’ acqua nel

La padella di ferro

La padella di ferro

ripiano inferiore, sotto la carne.

Cuocete per 60′, quindi togliete l’ alluminio (non buttatelo via!), alzate il termostato a 180° e cuocete per 10′, rigirate la carne e lasciatela in forno per altri 10′. La temperatura al cuore dovrebbe essere di 68°…( e va bene…più o meno!).

Tirate fuori l’ arista, copritela con l’ alluminio e dopo un quarto d’ ora, bella morbida e succosa, sarà pronta per essere tagliata e servita.

Abbinamento ideale: Lagrein Dunkell dell’ Alto Adige…

Io, in verità, ho bevuto un Faugères vino del Midi della Francia fatto con Grenache, Syrah, Carignan e altre uve.

 

Condividi questo contenuto:

Lascia un commento